Questa pagina utilizza cookie per migliorare l'esperienza degli utenti e quella di terzi derivante dall'utilizzo della nostra web, dei social media, nonché per migliorare l'uso e le informazioni su di essa con Google Analytics. I dati personali non vengono consultati. Se si continua a navigare considereremo che se ne accetta l’uso. È possibile modificare la configurazione e ottenere ulteriori informazioni su cookies privacy .
Accetta

Distacco breve di lavoratori in Spagna: è necessario nominare un rappresentante?

Scritto da Lawants on . Postato in Blog

Con riferimento alla normativa spagnola in merito al distacco breve di lavoratori nell’ambito di una prestazione internazionale di servizi, molto spesso imprese italiane si recano in Spagna per montaggio o manutenzione di macchinari. Qualora le trasferte fossero superiori agli otto giorni, sono soggette alle normative spagnole in materia di notifica dell’attività.
Recentemente è stato pubblicato il Decreto presidenziale del 27 maggio scorso. Da pagina 43 iniziano le disposizioni inerenti la materia.

In merito ai punti g) e h) contenuti proprio a pagina 43, non è chiaro se le persone che vengono specificate, quali referenti di fronte all’autorità spagnola, possano essere anche gli stessi lavoratori distaccati o è necessario nominare un proprio rappresentante residente in Spagna?

RISPOSTA:

Con riferimento al punto g) la norma sembra chiara nel senso di richiedere una semplice comunicazione dei dati identificativi di una persona presente (non residente) in Spagna per fare da “intermediario/enlace” tra la ditta e le autorità competenti spagnole.

Con riferimento al punto h), però, si richiedono anche i dati identificativi di una persona che rappresenti la ditta straniera in Spagna nelle procedure di informazione e richieste da parte dei lavoratori, e nelle negoziazioni che possano interessare i lavoratori distaccati in Spagna. Pare quindi che una impresa che si reca in Spagna per montaggio o manutenzione di macchinari debba nominare un proprio rappresentante (non è richiesto che sia spagnolo).

CONCLUSIONE:

  • Si tratta di una normativa nuova, siamo in attesa di vedere i Regolamenti attuativi.
  • Sembrerebbe che la legge richieda alla ditta spagnola di comunicare i dati di una persona per permettere all’Ente competente di effettuare semplici comunicazioni (punto g), ma richieda altresì la presenza di un vero e proprio rappresentante (in mancanza di Regolamento attuativo, non sappiamo se detta rappresentanza potrà essere data mediante procura pubblica, semplice, o compilando un formulario).
  • Attesa questa obiettiva incertezza, raccomandiamo di esaminare caso per caso, soprattutto per contattare l’Ente territorialmente competente verificando insieme a lui quali sono le consuetudini seguite dall’ufficio in attesa del Regolamento Attuativo.

Lascia un commento